logo
L'informazione propositiva
Ads

Oggi il Morla è un po’ più pulito!

Oggi il mondo è un po’ più pulito!

Puliamo il mondo è la versione italiana di Clean up the world, la più grande iniziativa mondiale di pulizia delle città da parte dei
cittadini. Da 25 anni viene organizzato in Italia da Legambiente.
A Bergamo era previsto per il 30 settembre ma l’incertezza atmosferica ci aveva portato a rimandare ad oggi, 21 ottobre.
E stamattina una trentina di persone si sono ritrovate davanti all’istituto Pesenti alle 9.00 per dare il loro contributo ad una iniziativa di pulizia del quartiere a partire dalla pista ciclabile lungo la Morla.

Ci tenevamo a tornare – per la terza volta – sul Morla. In questi anni anche grazie ai nostri sforzi si è riusciti a creare una bella pista ciclabile che lo costeggia e che ha restituito un pezzo di torrente ai cittadini.

Dall’istituto Pesenti siamo partiti risalendo e scendendo la pista, percorrendo tratti di via Gavazzeni e della Circonvallazione. Il
nostro obiettivo era raccogliere tutti i piccoli rifiuti che vengono quotidianamente abbandonati. Non abbiamo trovato, per fortuna, grandi ammassi di rifiuti, discariche a cielo aperto ma, purtroppo, tante piccole tracce della quotidiana insensibilità e della scarsa
educazione.
Centinaia di mozziconi di sigaretta, sacchetti di plastica, pacchetti di patatine, brioches e cicche. Bottiglie e bicchieri, carta stagnola
e lattine. Un campionario di piccole cose che alla fine sono riuscite a riempire 40 sacchi.
È un numero importante su cui vale la pena di soffermarsi: 40 sacchi di piccoli oggetti. Raccontano tanto della nostra scarsa attenzione e della diffusa scarsa educazione e sensibilità.

Oggi abbiamo voluto dare un segnale in controtendenza.

Ecco lo diciamo con soddisfazione: oggi la nostra città è più pulita. Grazie all’assessore all’ambiente del Comune di Bergamo, grazie al
comitato di quartiere della Malpensata, grazie alla comunità Ruah, grazie al NAP, grazie ai cittadini della Malpensata che abbiamo incontrato.

Per Legambiente Bergamo,
Nicola Cremaschi

Lascia un commento